La pulizia della lavatrice è un’operazione estremamente importante se vogliamo assicurarci che duri negli anni e che il nostro bucato sia sempre profumato e correttamente igienizzato.

Innanzitutto dobbiamo sapere quali sono i nemici principali della nostra lavatrice: la muffa e il calcare. In particolare il calcare può danneggiare irrimediabilmente la lavatrice, per questo una corretta e frequente pulizia della lavatrice deve correre di pari passo a una corretta manutenzione.

Eliminare cattivo odore lavatrice

Per la pulizia dell’esterno della lavatrice e del cestello possiamo ricorrere a dei prodotti naturali come l’aceto bianco, il bicarbonato e il limone. Una delle funzioni principali di questi prodotti è quella di eliminare cattivo odore dalla lavatrice. Vediamo come creare il composto:

  • 1 cucchiaio di sapone di Marsiglia liquido
  • 100 ml di aceto bianco
  • 500 ml di acqua
  • 4 gocce di olio essenziale di limone
  • 1 cucchiaio di bicarbonato

Igienizzare lavatrice bicarbonato

Possiamo effettuare una pulizia interna lavatrice con un composto formato da bicarbonato di sodio, aceto e succo di limone: puliamo le vaschette del detersivo e dell’ammorbidente e puliamo bene il cestello della lavatrice. Quest’ultimo può essere pulito anche solo con acqua e limone: tornerà brillante come se la lavatrice fosse nuova.

Pulizia guarnizione oblò lavatrice: laviamo accuratamente la guarnizione della lavatrice con il nostro composto di bicarbonato e aceto rimuovendo ogni residuo depositato al suo interno.

Successivamente inseriamo un bicchiere di aceto bianco e due cucchiai di bicarbonato nella vaschetta dei detersivi e mandiamo un lavaggio a vuoto ad altissima temperatura (consigliamo un lavaggio a 90°C). Questo lavaggio ci garantirà una profonda pulizia tubi dell’acqua ma anche una pulizia tubi di scarico.

Vedi anche  Come stirare bene? Tecniche per una stiratura perfetta

Pulizia lavatrice con aceto

La pulizia lavatrice con aceto è sempre consigliabile perché toglie i cattivi odori, rende brillanti le parti in acciaio e igienizza senza essere aggressivo sulle parti più delicate degli elettrodomestici. L’aceto infatti viene spesso utilizzato al posto di altri prodotti aggressivi di cui sconsigliamo l’uso: ad esempio sarebbe il caso di limitare l’uso dell’ammoniaca in lavatrice.

Igienizzare lavatrice candeggina

Se non siamo amanti dei prodotti fai da te, possiamo ricorrere alla candeggina: inseriamo nel cestello un bicchiere di candeggina e mandiamo un lavaggio a vuoto a 40°C. La pulizia lavatrice con candeggina è particolarmente efficace suoi residui presenti nel cestello e nelle guarnizioni.

Per le lavatrici che si caricano dall’alto dobbiamo agire in un’altra maniera: facciamo partire un lavaggio a vuoto e, quando il cestello sarà pieno d’acqua, interrompiamo il lavaggio per aggiungere un bicchiere di candeggina. Attendiamo circa 40 minuti e facciamo ripartire il lavaggio.

La candeggina però presenta alcuni aspetti negativi. Innanzitutto l’odore: se non lo gradiamo, piuttosto che la candeggina classica dobbiamo optare per la candeggina profumata. Inoltre, dopo aver effettuato questi lavaggi per la pulizia del cestello dobbiamo evitare di inserire in lavatrice capi delicati in seta e lana.

Contattaci gratuitamente